Campo Trincerato Matassone

A difesa della Vallarsa (m 850)

 

Ci troviamo in Vallarsa, luogo di battaglia della prima guerra mondiale tra Italiani e Austriaci e quindi una zona ricca di testimonianze: dal vicino forte Pozzacchio al campo trincerato sul monte che sovrasta Matassone, ricco anch'esso di testimonianze, dal percorso della pace al Parco della Pace del monte Zugna

verso il Campo Trincerato Matassone

verso il Campo Trincerato Matassone

verso il Campo Trincerato Matassone

verso il Campo Trincerato Matassone

monte zugna visto dal Campo Trincerato Matassone

monte zugna visto dal Campo Trincerato Matassone


Dal parcheggio é possibile scegliere se andare a destra o a sinistra, andando a destra si incontreranno subito le trincee, scegliendo invece di iniziare il percorso a sinistra attraverseremo dei prati e costeggeremo gli orti di questo piccolo paesino prima di incontrare le trincee.

la mappa del Campo Trincerato Matassone

la mappa del Campo Trincerato Matassone

i prati del Campo Trincerato Matassone

i prati del Campo Trincerato Matassone

flora Campo Trincerato Matassone

flora Campo Trincerato Matassone

flora Campo Trincerato Matassone

flora Campo Trincerato Matassone

flora Campo Trincerato Matassone

flora Campo Trincerato Matassone


Le prime trincee che troviano sono rivolte a Ovest verso il paese di Matassone

Le trincee verso Matassone

Le trincee verso Matassone

trincee verso Matassone

trincee verso Matassone

trincee verso Matassone

trincee verso Matassone


La prima postazione d'obice era rivolta a Sud verso il vicentino

corridoio postazione d

corridoio postazione d'obice

la postazione del

la postazione del'obice

la postazione vista dal

la postazione vista dal'alto


L'entrata alle trincee é vicina alla prima postazione d'obice

entrata alle trincee

entrata alle trincee

entrata alle trincee

entrata alle trincee

entrata alle trincee

entrata alle trincee


In questa zona iniziano dei camminamenti protetti per raggiungere le trincee, dapprima sono trincee più profonde poi diventano corridoi coperti

le trincee

le trincee

le trincee

le trincee

la trinceea vista dall

la trinceea vista dall'alto


I camminamenti al riparo

L

L'entrata

labirinto dei camminamenti coperti

labirinto dei camminamenti coperti

labirinto dei camminamenti coperti

labirinto dei camminamenti coperti

labirinto dei camminamenti coperti

labirinto dei camminamenti coperti

un

un'uscita

l

l'uscita ostruita dai detriti


La seconda postazione d'obice del Campo Trincerato Matassone puntava sempre sul vicentino

seconda postazione d

seconda postazione d'obice del Campo Trincerato Matassone


un altra postazione d'obice sempre rivolta verso il vicentino

altra postazione

altra postazione

altra postazione

altra postazione


poco oltre un rifugio in calcestruzzo armato per il riparo della guarnigione

l

l'entrata del rifugio



L'ex forte Matassone era il fulcro del campo trincerato.

Arrivati al ex forte di Matassone ci troviamo davanti a un ammasso di macerie, é un'opera in casamatta di calcestruzzo armato, con buoni ricoveri rimasta però incompiuta. La guarnigione prevista era formata da mezza compagnia di fanteria dalla riserva mobile dello sbarramento.

Dell'opera oggi rimane ben poco, attorno ad essa qualche camminamento sul rovescio, con ogni probabilità é una modifica aggiunta alla struttura originale, ad uso della difesa italiana. I cannoni dovevano battere le strade di destra e sinistra Leno. Il progetto originale prevedeva il completamento della linea difensiva della Vallarsa con un grande e moderno forte sullo Zugna; mentre tra il Matassone e il Pozzacchio correva una linea quasi continua di trincee con ricoveri in caverna, protetta da profondi reticolati.

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone

ex forte Matassone


Quasi di fronte al forte di Matassone, vi é il forte Pozzacchio da poco restaurato

ex forte Pozzacchio

ex forte Pozzacchio


e sempre sotto all'ex forte di Matassone troviano delle altre trincee italiane

le trincee italiane

le trincee italiane

le trincee italiane

le trincee italiane

inizio delle trincee

inizio delle trincee

le trincee italiane

le trincee italiane

le trincee italiane

le trincee italiane

verso le trincee italiane

verso le trincee italiane


Il percorso

percoso Campo Trincerato Matassone

percoso Campo Trincerato Matassone

percoso Campo Trincerato Matassone

percoso Campo Trincerato Matassone

percoso Campo Trincerato Matassone

percoso Campo Trincerato Matassone

percoso Campo Trincerato Matassone

percoso Campo Trincerato Matassone

percorso Campo Trincerato Matassone

percorso Campo Trincerato Matassone


Fuori dal tracciato, all'incirca sotto il campo trincerato e non segnata sulla mappa presente all'inizio del percorso, c'é una postazione in caverna protetta da mitragliatrici, con funzione di ricovero e deposito.

Entrata della postazione in caverna

Entrata della postazione in caverna

Postazione per mitragliatrice

Postazione per mitragliatrice

Postazione per mitragliatrice

Postazione per mitragliatrice

Postazione per mitragliatrice

Postazione per mitragliatrice

l

l'uscita della postazione/magazzino


L'interno. Depositi, magazzini e riservette.

Locali interni alla postazione

Locali interni alla postazione

Locali interni alla postazione

Locali interni alla postazione

Locali interni alla postazione

Locali interni alla postazione

Locali interni alla postazione

Locali interni alla postazione

Locali interni alla postazione

Locali interni alla postazione


In fine una visuale sulla Vallarsa

Visuale della valle a Sud verso Vicenza

Visuale della valle a Sud verso Vicenza

Visuale della valle a Nord verso Rovereto

Visuale della valle a Nord verso Rovereto


Storia:

Sulle alture di Matassone, nellimminenza della guerra, nell'autunno del 1914, il Genio militare austro-ungarico realizz un campo trincerato, composto da due capisaldi circolari chiusi circondati da fasce di reticolati. Si articolava in postazioni per obice, trincee e camminamenti, alcuni dei quali coperti, che permettevano ai soldati di raggiungere le diverse posizioni. Inoltre vi erano un osservatorio, una stazione di comunicazione attraverso segnali ottici con il vicino forte di Valmorbia-Pozzacchio e un rifugio in calcestruzzo armato per lalloggio della guarnigione.

Il progetto della difesa della Vallarsa era nelle idee dellesercito austro-ungarico fin dagli inizi del secolo, perch permetteva buone possibilità di penetrazione verso il territorio italiano. Nelle idee vi era un forte sullo Zugna ed uno sul Pasubio, mai realizzati. Vennero invece realizzati il forte di Pozzacchio (Valmorbia Werk) e un campo trincerato a Matassone.

All'inizio della guerra, come ben sappiamo, lesercito austro-ungarico decise di portare la propria linea difensiva a Rovereto arretrando e abbandonando quindi la Vallarsa. Lesercito italiano fu in grado quindi di avanzare notevolmente e di occupare, fin dal giugno del 1915, Pozzacchio e Matassone. Durante la Strafexpedition, nel maggio 1916, lesercito austro-ungarico riusc` ad avanzare e a riconquistare le due località. Lesercito italiano dovette arretrare le proprie linee, ma riuscì a conservare alcune posizioni strategiche fondamentali, tra le altre il crinale dello Zugna, il cui controllo permetteva il controllo della Vallarsa e impedire agli austro-ungarici il libero transito in Vallarsa e quindi la discesa verso il Veneto. Durante la controffensiva del 28 giugno 1916, gli italiani riuscirono a rientrare in possesso di Matassone, mentre forte Pozzacchio rimase in mano austro-ungarica fino alla fine del conflitto.


Collocazione geografica:

La Vallarsa e una piccola valle fluviale scavata dal torrente Leno e si trova nel Trentino sudorientale. Le sue 42 frazioni sono distribuite sulle Piccole Dolomiti a Sud-Ovest e sul massiccio del Pasubio a Est. Zona di confine tra lmpero Austro-Ungarico e Regno d'ltalia, fu teatro di lunghi e tragici combattimenti tra il 1915 e il 1918.


Come si raggiunge:

Da Vicenza seguire l'autostrada A31 fino all'uscita Thiene-Schio, seguire le indicazioni per Rovereto (TN) lungo la SP46 e quindi sulla SS46, all'altezza di Anghebeni prendere a sinistra la SP89 "Sinistra Leno" per altri 7 chilometri fino a raggiungere la frazione di Matassone.

Da Rovereto (TN) seguire le indicazioni per Vallarsa, su Viale Schio e quindi SP89, per circa 13 chilometri fino a raggiungere Matassone.


Tempi di percorrenza:

A lato della strada sono presenti dei parcheggi, e in 5 minuti sarete gi al campo trincerato.


Mappe Interattive:

Campo Trincerato Matassone

SCHEDA PERCORSO
Zona:Piccole Dolomiti, Pasubio, Novegno
Provincia / Comune:Trento / Vallarsa
Categoria:Fortificazioni
Tipologia:Naturalistico, Paesaggistico, Storico, Panoramico
Periodo storico:Prima Guerra Mondiale
Coordinate punto di arrivo:45.816825 - 11.080478
(45°49'0" N - 11°4'49" E)
Coordinate parcheggio:45.815889 - 11.078132
(45°48'57" N - 11°4'41" E)
Altitudine di partenza (m):840
Altitudine di arrivo (m):850
Dislivello (m):10
Difficoltà del percorso:T - Turistico
Ore a piedi:
(andata e ritorno, esclusa visita)
30 minuti
Come si raggiunge:A piedi, In auto, In mountain bike


Data visita: 22/08/2013
Data pubblicazione: Feb. 4, 2014

Autore:
Coautore:

Altri itinerari nelle vicinanze

Monte Corno Battisti - da malga Cheserle

Cima storica della Grande Guerra dove fu catturato Cesare Battisti
EE - Escursionisti Esperti - 3 ore 20 minuti
Inizio percorso a: 4.0 Km

Monte Zugna

Museo all'aperto della Grande Guerra
T - Turistico - 1 ora 40 minuti
Inizio percorso a: 2.0 Km

Forte Pozzacchio

Una macchina da guerra incompiuta completamente scavata nella montagna.
T - Turistico - 40 minuti
Inizio percorso a: 1.8 Km

Commenti